21 dicembre, 2011

Home, la nostra Terra

Maltagliati environment - Difendiamo la natura
 
LUCA BONFANTI*

La Terra è un miracolo e la vita resta un mistero. Un pensiero questo che rubo e condivido sperando possa nutrire qualche coscienza per migliorare la salute del nostro Pianeta.

"Ascoltami per favore, sei un homo sapiens, un uomo pensante. La vita, un miracolo dell'universo, è comparsa 4 miliardi di anni fa e noi, esseri umani, soltanto 200mila anni fa. Eppure siamo riusciti a sconvolgere l'equilibrio che è indispensabile alla vita stessa. Ascolta questa storia straordinaria, che è anche la tua e poi decidi che cosa vuoi fare". E' così che comincia Home, un video distribuito gratuitamente realizzato da Yann Arthus-Bertrand per la fondazione GoodPlanet.


La narrazione chiara e semplice ci accompagna in un viaggio tra le meraviglie e le bellezze che ogni giorno la nostra Terra è pronta a regalarci e che noi siamo pronti a distruggere...

Un video di un'ora e mezza circa da condividere e commentare con la famiglia, con i nostri figli.  Il video è disponibile su YouTube cliccando qui.


"Viviamo un periodo determinante. Gli scienziati ci dicono che abbiamo 10 anni per cambiare i nostri modi di vita, per evitare d' esaurire le risorse naturali ed impedire un'evoluzione catastrofica del clima della terra" Yann Arthus-Bertrand.


*Luca Bonfanti. Giovane artista italiano capace di posare sulle sue tele cromatismi e forme delicatamente profonde e surreali. Ha ottenuto riconoscimenti e premi in concorsi nazionali e internazionali. È membro degli artisti del “Museo della Permanente di Milano”, dell’Associazione Nazionale Fotografi Professionisti “Tau Visual” e dell’associazione International Advertising Association “IAA”. Presidente dell’associazione artistica “Temenos” e titolare dell’agenzia di pubblicità “Bimage Communication.”


15 dicembre, 2011

A cena con i Grig

Dopo tanto aver scritto sulla genuinità trovata nelle serate Hambasciator promosse dal ristorante Grig nonché della cordialità dei suoi proprietari, oggi voglio con questo post raccontarvi chi realmente è riuscito ad emergere nel caos che ormai ci siamo un po’ tutti abituati a vivere.
Prima di cominciare però voglio ringraziare la famiglia Grigoletto e in particolar modo Giusy che mi ha permesso in tutto questo periodo di accompagnarli nella loro avventura Hambasciator e per il tempo che mi hanno dedicato pazientemente.

14 dicembre, 2011

Città e piccoli cittadini

Immagine di LUCA BONFANTI*
Ecosistema Bambino è l'indagine che da oltre un decennio Legambiente promuove monitorando le città e le amministrazioni comunali che si mostrano più attente all'infanzia riguardo allo sviluppo del territorio, idoneità delle strutture presenti nonché alle opportunità di partecipazione alla vita comunitaria anche da parte dei giovani cittadini.

L'edizione 2010 di Ecosistema Bambino, recentemente presentata nel comune di Grossetto, si è focalizzata quest'anno sul tema della mobilità "nella convinzione che la crescita dei giovani cittadini non possa prescindere dalla possibilità di vivere appieno la città con i suoi luoghi di incontro e confronto. Una mobilità facilitata e sicura, infatti, aiuta il percorso dell’autonomia personale e dello sviluppo individuale dei ragazzi rendendoli più legati al territorio e alla comunità. Proprio per questo le buone pratiche raccontate nel rapporto vogliono rappresentare un punto di partenza per discutere e rilanciare le politiche urbane nel loro complesso con un’attenzione particolare ai più piccoli” come ha sottolineato Luciano Ventura, coordinatore ufficio scuola e formazione Legambiente.

L'indagine, a cui hanno aderito oltre 50 comuni, ha rivelato
  • 25 città hanno attivato il servizio Pedibus 
  • 19 città hanno reso operativi i Bicibus
  • 18 città si sono rese protagoniste di progetti di educazione stradale
  • 14 i centri urbani riconosciuti da Legambiente per le buone pratiche intraprese
I servizi di Pedibus consistono in "colonne mobili" di bambini accompagnati da gruppi di adulti che raggiungono la scuola in orari e fermate prestabilite. Gli "autobus a due ruote", i Bicibus, sono invece gruppi di scolari in bicicletta che vanno e tornano da scuola accompagnati da genitori volontari lungo percorsi organizzati e messi in sicurezza.
Mentre i progetti di educazione stradale rivolti sia a piccoli utenti sia a genitori, vigili ed educatori, spaziano dalle regole pedonali a quelle per le quattro ruote senza tralasciare il lato sicurezza.

Infine le buone pratiche intraprese sono da attribuire a questi 14 comuni:

Bolzano, dove è stato istituito che nelle strade vicine alle scuole 15 minuti prima e dopo l’inizio delle lezioni il traffico dei veicoli a motore viene sospeso;

Livorno, con il progetto legato sulla sicurezza per andare oltre le tante paure che possono limitare l'autonomia dei giovanissimi;

Pordenone sono stati fatti diversi progetti per favorire la mobilità pedonale dei bambini individuando percorsi sicuri;

Siena, che ha fatto 17 itinerari da fare a piedi o in bicicletta per scoprire insieme, adulti e ragazzi, l'ambiente e il patrimonio culturale del proprio territorio;

Torino che ha promosso l'uso della bici con un progetto di coinvolgimento degli adolescenti che offre loro un rinnovato punto di vista sull'utilizzo della bicicletta stessa;

Bologna, ha strutturato un piano generale sulla mobilità che incentiva una serie di alternative per spostarsi in città evitando l’uso dell’automobile privata come ad esempio la priorità semaforica in 50 incroci riservata agli autobus;

Lecco ha attive 17 linee operative dedicate al Pedibus, grazie al quale sono state risparmiate 20 tonnellate di anidride carbonica;

Vercelli ha intrapreso misure di Pedibus, Bike Sharing, piste ciclabili, rastrelliere per collegare la città senza inquinarla e abbonamenti agevolati per incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici;

Verona con il progetto “Miglia verdi” che ha permesso una notevole raccolta di dati e la loro conseguente lettura.

Queste sono solo alcune delle buone pratiche messe in atto in Italia per una mobilità a favore di bambino, ma sono ancora tanti gli interventi raccontati all’interno del rapporto Ecosistema Bambino per dare visibilità a idee e progetti d’esempio per le altre amministrazioni. Obiettivo del rapporto è infatti quello di creare una vera banca delle competenze che siano la base per cambiamenti culturali e riqualificazioni urbane per non ripartire sempre da zero e non mettere in campo progetti destinati a finire con l’esaurirsi delle risorse.

*Luca Bonfanti. Giovane artista italiano capace di posare sulle sue tele cromatismi e forme delicatamente profonde e surreali. Ha ottenuto riconoscimenti e premi in concorsi nazionali e internazionali. È membro degli artisti del “Museo della Permanente di Milano”, dell’Associazione Nazionale Fotografi Professionisti “Tau Visual” e dell’associazione International Advertising Association “IAA”. Presidente dell’associazione artistica “Temenos” e titolare dell’agenzia di pubblicità “Bimage Communication.”

12 dicembre, 2011

Fare arte riciclando




Dalla passione per il design e l'arredamento Laura Fontanot e Gioni Cadamuro  hanno deciso di spingersi oltre e di scegliere di lavorare nel segno dell'etica e della coscienza. Coì eccoli qua a gestire Riciclò, un laboratorio di eco design che crea oggetti d'arredo con solo materiale riciclato.


La filosofia del laboratorio è quella del riuso evitando gli inutili sprechi, ritornando ai tempi in cui gli oggetti si riparavano piuttosto che, come ora, ricomprarli.
Nello showroom allestito a Macherio si possono trovare numerose rivisitazioni di oggettistica di design, lampade, mobili e complementi dagli anni ’40 agli anni ’80. Un revival di "vecchie cose da soffitta" rigorosamente rimodernate e vitalizzate.

11 dicembre, 2011

Quando il gioco va oltre il DS


Per chi come me preferisse far trascorrere ai propri figli una semplice ora di gioco può ricercare nella propria zona quei laboratori ludici dove i bambini scoprono il piacere dell'inventarsi con piccoli oggetti di uso quotidiano.

Dalle mie parti c'è “FIABE IN GIOCO”, un laboratorio di espressività creativa e ludica. In questa sede i bambini vengono stimolati alla scoperta di sé e degli altri e a vivere le proprie emozioni attraverso l’invenzione di fiabe e drammatizzazioni. Qui da qualche anno ci accompagno mia figlia che effettivamente ha sviluppato col tempo una maggiore ingegnosità e capacità di sviluppare il piacere di comunicare con gli altri.

10 dicembre, 2011

Case da fiaba


Innovativa l'iniziativa promossa dal Museo dei Bambini di Roma (Explora) e Costruttori di Stile21 volta a far vivere ai nostri bambini la casa come la vivrebbero loro e destinata ad analizzare l’aspetto emotivo e cognitivo del concetto di casa.
La casetta Sgarrupphouse è allestista all'interno dell’exhibit Case, gusci, tane, un percorso di gioco al Museo. E' stato così chiesto di disegnare e costruire in legno la propria casa ideale in cui rifugiarsi, vivere, incontrarsi e sentirsi protetti. Un percorso questo di “progettazione partecipata”, basato sulla metodologia design-by-doing (progettare tramite il fare) con attività di disegno e modellazione.
Perché gli uomini costruiscono case diverse? Le risposte: “perché altrimenti nessuno riconosce la propria”, “per dare colore alla città”, “fossero uguali, che noia!”.  Storie fiabesche e avventurose hanno così preso vita in tutte le casette dalle forme e dai colori più fantasiosi proposte dai bambini.

Giovani alla scoperta del buon cibo


Insegnare ai nostri figli a mangiare sano e in tutta sicurezza. Oggi per farlo abbiamo un aiuto in più. Grazie all'opuscolo messo on line dal ministero della Gioventù i giovani potranno conoscere tutti i segreti per una sana alimentazione.
Il linguaggio usato nelle 17 pagine, scaricabili e stampabili, è un linguaggio giovane e semplice proprio per catturare l'attenzione dei ragazzi e far comprendere loro le principali regole per mangiare bene e in sicurezza.
Utile anche a mamma, la mini-guida spiega le caratteristiche di consumo e conservazione di ogni alimento, come leggere l'etichetta e un glossario per comprenderne i termini utilizzati nonché tutti i segreti per rimanere in forma seguendo una semplice dieta equilibrata.
Non manca ovviamente un breve cenno al consumo di alcool, alla sua tossicità e ai danni che può causare all'organismo.
Potete scaricare la guida da questo link. Buona lettura e, soprattutto, buon appetito!!!

09 dicembre, 2011

Il vecchio si fa nuovo

Maltagliati environment - Difendiamo la natura

Come risparmiare e nel contempo contribuire all'ecologia? Recentemente ho scoperto un nuovo negozio aperto a due passi da casa mia: Mercatopoli. Qualcuno magari lo conosce già, altri ne hanno solo sentito parlare ma io un giro l'ho voluto fare e ne ho subito colto lo spirito. Questa catena di negozi nasce come mercatino dell'usato ma concepito in stile moderno, contro il consumismo esasperato (che oggi ahimé ci coinvolge volenti o nolenti un po' tutti) ed ecocompatibile.
Un luogo in cui regna la filosofia del riuso e del riciclo dove tutti possono portare in vendita i propri oggetti dismessi e ancora in ottimo stato, dando loro nuova vita e nuovo utilizzo con altri proprietari.
Ecco un modo nuovo per vivere sempre più green!
Cerca il Mercatopoli più vicino a casa tua

06 dicembre, 2011

Cosa farò da grande

Genitori e studenti alle prese con il miglior percorso formativo da scegliere al termine della scuola media. Oggi un vero dilemma vista l'incertezza nel mondo del lavoro.
Qualcuno però pensa ai nostri giovani ragazzi offrendo loro uno strumento che li aiuti concretamente nella scelta del loro futuro.


Confindustria Como, infatti, ha messo a disposizione sul proprio sito un opuscolo contenente alcune informazioni sulla domanda di lavoro sul territorio comasco. L'iniziativa nasce dalla convinzione che oggi la condizione essenziale per mantenere competitive tutte le imprese, piccole e grandi, è far crescere il capitale umano, ossia i giovani che al termine delle scuole medie si trovano a dover far fronte a scelte che saranno preludio del loro futuro professionale.

L'ape, il respiro della Terra

In  un mio precedente post mettevo in luce gli effetti causati negli ultimi decenni dal surriscaldamento globale. Non citavo però un altro drammatico impatto sulla vita del Pianeta. Il riscaldamento globale sarebbe infatti responsabile anche della moria di api registrata negli ultimi anni.
Il dato è stato reso pubblico su una rivista americana che ha così confermato i dati di una ricerca condotta dall'Università di Milano, secondo cui il recente cambiamento climatico, che porta a un progressivo riscaldameto globale, sta influenzando pesantemente i sistemi biologici della Terra.

03 dicembre, 2011

Scuole da rinvigorire

Luca Bonfanti, Il Vecchio e il Giovane (acrilico su tela)
Giovani sempre più impreparati che fanno il loro ingresso alle scuole superiori senza una formazione adeguata con  un alto rischio di abbandono già alla fine del primo anno. Colpa di chi? Della playstation, di facebook o dell'età? Se i nostri ragazzi oltre ad affacciarsi al periodo più confusionale della loro vita, l'adolescenza, si trovano pure a dover far fronte ad una scuola un po' stile rétro beh insomma il risultato si fa presto ad immaginarlo.
Ma è questo ciò che è emerso dal Rapporto sulla scuola in Italia 2011 (Editori Laterza) pubblicato dalla Fondazione Agnelli, secondo cui la scuola media italiana risulta essere la peggiore d'Europa.

02 dicembre, 2011

L'anoressia è dietro l'angolo

Maltagliati educational - Genitori all'appello

Se da un lato in Italia cesce il numero di bambini obesi, dall'altro esiste un altro problema che purtroppo affligge ragazze e ragazzi in età pre e adolescenziale. L'anoressia tra i giovani, infatti, è un grave disturbo alimentare indotto da una malnutrizione a fini puramente estetici. Secondo uno studio commissionato dal Central YMCA e pubblicato su MailOnline, metà delle ragazze e un terzo dei ragazzi sono disposti a prendere misure estreme per ottenere un corpo perfetto. La pressione che i giovani subisco per migliorare il proprio aspetto fisico porta un ragazzo su dieci a prendere steroidi per aumentare la muscolatura e una ragazza su 8 ammette di fare uso di pillole dimagrandi o lassativi per un rapido snellimento della propria figura.
L'indagine si è svolta su 810 giovani tra gli 11 e i 16 anni rivelando che il 50% delle ragazze e più di un terzo dei ragazzi mettono a confronto i propri corpi con quelli dei personaggi televisivi, con circa un quarto di entrambi i sessi disposti a sottoporsi a interventi di chirugia estetica per ottenere un look perfetto.

Il problema credo stia nel desiderio dei giovani di volersi confrontare a quei corpi e a quelle immagini che ogni giorno e in ogni istante vengono proposti in televisione, per strada e in ogni angolo facendoci credere che per essere migliori si debba iniziare dal proprio aspetto fisico.

Non voglio certo imputare alla televisione i problemi legati all'anoressia, però diciamo che ha un suo certo peso l'immagine perfetta trasmessa in tutte le salse e prepotentemente inculcate nelle nostre menti deboli e desiderose di avere un fisico alla Marcuzzi mangiando semplicemente dello yougurt.
Ma non è così e noi genitori lo sappiamo. Cerchiamo di parlare ai nostri figli, spiegar loro che bisogna amare e curare il proprio corpo ma con dolcezza. Sottoporlo a diete scorrette o a dimagrimenti repentini non è salutare. Una dieta equilibrata e una costante attività fisica sono gli unici veri rimedi per mantenere una certa linea, tonicità e soprattutto benessere sia fisico sia mentale.  Cero è che l'esempio deve partire da noi!

Leggo poi di un innovativo software messo a punto da due ricercatori del Dartmouth College, Eric Kee and Hany Farid. Basato su un modello matematico, questo software permetterebbe di scoprire se una fotografia pubblicata è stata ritoccata o meno al computer.
La tecnica usata spesso su riviste e giornali per apportare miglioramenti a volte estremi alle foto di modelle, come il dimagrimento delle gambe o del ventre, la correzione della postura, la rimozione di rughe e borse sotto gli occhi, potrebbe essere quindi presto smascherata, tant'è che alcuni Paesi stanno considerando di introdurre l'etichettatura obbligatoria per le foto ritoccate.

Forse in questo modo lo stereotipo potrebbe cambiare e assumere più le sembianze umane!!!

A proposito di Maltagliati educational

Obesi non si nasce, si diventa

30 novembre, 2011

Infanzia a rischio


In questo post voglio darvi dei numeri che penso vi portino sconforto come lo hanno portato a me. I dati sono quelli pubblicati nel secondo Atlante dell'Infanzia diffuso da Save the Children, oltre 150 pagine e 80 mappe sulla condizione di bambini e adolescenti del nostro Paese: dalle città e territori in cui vivono, alla povertà minorile, dagli spazi di verde e di gioco disponibili, all'inquinamento urbano, dalla dispersione scolastica ai servizi per l'infanzia. 

29 novembre, 2011

Viaggio nell’anima di un artista

 
Luca Bonfanti, Ordine Divino
 Durante una delle serate Hambasciator promosse dal Grig restaurant ho avuto occasione di conoscere Luca Bonfanti. Giovane artista italiano, Bonfanti è riuscito lontano dalle accademie a seguire un suo percorso artistico assecondando il proprio naturale desiderio di esprimere le sue emozioni attraverso la posa del colore. Autodidatta, ha cominciato a lavorare in bottega (un termine che oggi neanche più si conosce) ascoltando gli insegnamenti di alcuni maestri e dando libero sfogo alla propria creatività. Dapprima spaziando nel mondo della fotografia artistica per poi trovare nella tela la sua più istintiva vocazione. Una passione che lo accompagna fin dall’inizio e che oggi lo ha portato a un notevole successo interiore e non solo.
Un artista che ha creduto nelle proprie passioni. Un esempio da dare ai giovani d’oggi…

28 novembre, 2011

Bulli cibernetici


Chi è mio coscritto ('73) si ricorderà bene le "risse" fuori dalla scuola. Ai tempi il fenomeno non si chiamava bullismo e il più delle volte passava inosservato. Oggi però qualcosa è cambiato. Inizialmente anch'io cadevo nel luogo comune "c'era anche prima solo che non se ne parlava", ma forse il bullismo di oggi è qualcosa che va oltre alla semplice lite. Oggi è qualcosa di irrispettoso, è un fenomeno sociale molto complesso e in continua evoluzione.
Negli ultimi anni, con l'avvento della tecnologia, il bullismo ha assunto nuove forme e si parla oggi di cyberbullismo. Questa nuova forma di prevaricazione viene perpetrata attraverso nuovi mezzi tecnologici con la possibilità di agire in modo crudele senza esporsi ed essere puniti. Questo non fa altro che aumentare il numero di cyberbulli che si sentono così più forti e sicuri di non essere scovati delle proprie stupide bravate, che a dire il vero bravate non lo sono tanto, piuttosto li definirei atti feroci e vigliacchi.

27 novembre, 2011

Un Pianeta che scotta


Capita spesso di sentir parlare di cambiamenti climatici. Nei telegiornali vengono spesso mandati servizi relativi al surriscaldamento globale e a quanto i governi di tutto il mondo ne stiano discutendo.
I cambiamenti climatici sono sempre avvenuti e si manifesteranno sempre. Purtroppo i cambiamenti registrati in questi ultimi decenni non sono da imputare tutti a fenomeni naturali. Infatti molti scienziati concordano che parte del surriscaldamento del Pianeta sia correlato ad un aumento dei gas serra causati da attività umane.

24 novembre, 2011

Cene d'autore

Luca Bonfanti
  Anche questo giovedì la Grig family è stata impeccabile. Un connubio di sapori, arte e musica con l'unico scopo di rendere la serata ricca e sorprendentemente travolgente ai suoi ospiti.

Stasera il viaggio enograstronomico ci ha regalato sapori e profumi di una regione italiana apprezzata per la sua natura selvaggia e per le sue tradizioni. Specialità pugliesi infatti hanno dato linfa a tutta la serata e neri dai gusti intensi hanno risaltato ogni portata.
Una serata senza tempo dove ancora le opere di Luca Bonfanti hanno saputo regalare quell'atmosfera impalpabile ma intensa di emozioni percepite attraverso straordinarie vibrazioni musicali colme di enfasi, eseguite rigorosamente dal vivo. 
Permettemi ancora un ultimo appunto. Non è facile oggi riuscire a intercalare l'Arte in una società così poco percettibile quale è quella attuale. E voglio complimentarmi con la famiglia Grig che ha fatto nascere in ognuno di noi la consapevolezza che la vita di per sè è già arte tutto sta a quali tinte vogliamo usare.
Appuntamento quindi a giovedì alla scoperta delle terre friulane.

Libertà tra le righe

Luca Bonfanti
La lettura è la miglior fonte di cultura. E’ spensieratamente travolgente. Con alcuni romanzi ti addentri addirittura in un’altra dimensione entrando nel vivo della storia. Conosci personaggi irreali che ti prendono per mano e ti guidano attraverso inchiostri stampati in paesaggi immaginari di incantevole bellezza. Altre volte riesci anche a catapultarti in periodi storici ben lungi dai tempi moderni e vivi con ebbrezza storie d’amore intriganti o spionaggi temerari. E la sensazione di pienezza che provi all’ultimo paragrafo del libro è straordinariamente impagabile.


21 novembre, 2011

Come prendere 10 in pagella

Tutti noi viviamo a ritmo dei cambiamenti ambientali. I ritmi fisiologici sono condizionati dall’alternanza giorno-notte e anche gli umori seguono tale andamento. Solitamente la mattina siamo spesso imbronciati, mentre nella fase pomeridiana e serale ci ritorna il sorriso e la voglia di fare. Anche i cambi stagionali fanno la loro parte. L’organismo è influenzato in particolare nelle fasi iniziali di tali cambiamenti per poi abituarsi gradualmente alle nuove tinte e temperature.

Rifiuti da rifiutare


E’ iniziata sabato la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, un’occasione per tutti per contribuire efficacemente alla salvaguardia dell’ambiente.

Un punto di partenza per cominciare a vivere con uno stile di vita più rispettoso nei confronti del Pianeta che ci ospita il quale ci offre ogni giorno preziose risorse, ma che con lo spreco e il consumo presto andranno ad esaurirsi.

20 novembre, 2011

Una delle Giornate sui diritti dei bambini

Maltagliati educational - Genitori all'appello

Non male l'iniziativa Gio.I.A. 2011 promossa dal Comune di Nova Milanese nell'ambito della Giornata mondiale dei diritti dei bambini.
Ospitata presso la Scuola elementare Fasola Quarello di Via Mazzini, la giornata si è snodata attraverso numerosi laboratori creativi dove i bambini potevano sbizzarrirsi in fantasiose opere utilizzando i più disparati materiali.
Anche la musica è riuscita ad attirare l'attenzione dei piccoli. Nel Laboratorio musicale, grandi e piccini hanno potuto sperimentare tanti suoni prodotti dai più noti strumenti (tromba, corno) ma anche divertirsi con i più accessibili triangoli e campanelli.
Ben organizzati e interessanti anche i balli proposti, l'esibizione degli allievi del corso di percussioni e il concerto finale dei flauti.

19 novembre, 2011

La famiglia oggi


Oggi vi propongo qualche dato per capire come cambia il contesto di vita familiare di bambini e ragazzi in Italia. Il testo pubblicato dall'Istat è molto lungo, quindi ho pensato di riproporvelo in modo schematico.





A Natale il cartoon salva-boschi

Sono e rimango sempre dell'idea che il gioco deve avere un fine educativo. Infatti è attraverso il gioco che il bambino prende consapevolezza del suo "essere io". Consapevole che da ogni suo gesto nasce una conseguenza e che quindi deve sempre agire nella maniera più corretta per rispettare i diritti di ciascun essere vivente. E anche il rispetto dell'ambiente è un valore importante da trasmettere ai nostri piccoli uomini.

18 novembre, 2011

Uno sguardo ai nostri figli

Presi nella lotta continua contro il tempo, anche i nostri ragazzi diventano inevitabilmente vittime della frenesia con cui oggi ci troviamo spesso a dover fare i conti. Non possiamo quindi pretendere che i nostri figli non dedichino più di un'ora allo studio. Perché dovrebbero? Non siamo noi per primi a voler che sbrighino le loro faccende nel più breve tempo possibile?
Ecco, forse è questo il motivo per cui la mia generazione non sa darsi spiegazione su cosa sia cambiato negli ultimi 30 anni. Tre decenni appena ma con stili di vita completamente diversi. Allora vale la pena riflettere e fare un passo indietro, guardare negli occhi i propri figli e iniziare da capo.

Cibo: passione che appassiona

Maltagliati italian flavors - L'arte di vivere

Il vecchio e il giovane
Luca Bonfanti
Intensa oserei dire la serata appena trascorsa al Grig. Sulla pelle ancora l'atmosfera raffinata di un luogo dove la parola d'ordine è Passione.
Questo infatti ha saputo trasmettere Luca Grigoletto, alla guida del noto ristorante novese. Una Passione con la "P" maiuscola, che lo accompagna fin dalla giovane età quando organizzava, insieme al padre, tasferte con i clienti più affezionati alla scoperta dei vini d'Italia. Una devozione che ancora oggi lo spinge a ricercare sempre qualcosa di più raffinato da offrire ai propri ospiti. Da qui l'intuizione. Attraverso la dedizione per il buon cibo ha dato vita alle serate Hambasciator, un viaggio tra sapori, profumi e note d'autore musicali e pittoriche.
Stasera il viaggio ci ha portati sulle colline toscane con piatti soavi associati a note etichette tipiche della Regione. Delizie che bene si sposavano con i dipinti poetici e creativi di Luca Bonfanti, un artista capace di riflettere la sua anima su tele sconfinate.
Appuntamenti da non perdere quindi, per passare una serata diversa e intensa di sapori e colori.


Un ringraziamento a tutto lo staff Grig.
Un ringraziamento a parte anche all'assessore alla cultura di Nova Milanese, Rosaria Longoni, e a Domenico Tripodi per la piacevole compagnia e per gli ottimi spunti di riflessione.

17 novembre, 2011

Impatto (quasi) zero

Sì è vero, vivere completamente a impatto zero è decisamente impossibile. Però ridurre l’impatto è sicuramente possibile ed anche estremamente necessario.
Oggi ci possiamo provare tutti a vivere a (quasi) impatto zero grazie all'esperimento No Impact Day, lanciato dalla casa editrice mt0 in collaborazione con il giornale web IlCambiamento.

16 novembre, 2011

Alunni equilibrati

Equilibrio. Questa la parola magica per far vivere serenamente la vita scolastica ai nostri figli. Almeno, questo è quanto sostiene il Moige (Movimento italiano genitori) secondo il quale è dal giusto equilibrio tra orari, impegni, riposo e alimentazione che dipende la capacità di affronare al meglio la giornata a scuola.

Ecco alcuni suggerimenti del Moige riassunti brevemente:

Lo Stivale tossico

Chissà perché per farle proprie le cose ci devono colpire direttamente. Se tu abitassi con i tuoi pargoletti vicino a un industria chimica, ti verrebbe il dubbio sulla qualità dell'acqua che state bevendo in famiglia? Se l'aria che respirate è sana? Credo di sì, la paura che i tuoi figli potrebbero risentire della tossicità prodotta da quell'industria ti farebbe attivare affinché tu abbia delle certezze. Quando ho letto di quante zone ancora esistono in Italia dove è rischioso vivere, se non addirittura mortale, a causa dell'inquinamentomi mi sono spaventata. Con i dati alla mano è più facile comprendere la realtà. Fatico però a comprendere come all'alba del 2012 nonostante i continui studi per migliorare la qualità dell'aria e del suolo non si possano prendere provvedimenti all'origine e non dover necessariamente ricorrere a costosissime bonifiche.

Lo studio “Sentieri” (Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento) coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con altri enti e istituti italiani, ha preso in esame ben 44 luoghi sparsi sulla Penisola e le Isole maggiori che mostravano un alto tasso di contaminazione dei suoli e delle falde (alcuni già sottoposti a bonifiche ambientali) analizzandone il rischio per la salute dei suoi abitanti costretti a convivere quotidianamente con amianto, diossina e altre sostanze tossiche.

Come confermato dal presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, prof. Enrico Garaci, i risultati dell’indagine “mostrano che lo stato di salute delle popolazioni residenti nei siti esaminati appare risentire di effetti avversi più marcati rispetto alle regioni di appartenenza".
Lo studio Sentieri infatti ha mostrato un eccesso di mortalità complessivo di circa 1.200 casi l’anno, in particolare nei siti del Mezzogiorno (da Porto Marghera a Gela, da Taranto a Porto Torres solo per citare i più noti).
La presenza di impianti chimici, petrolchimici, raffinerie, industrie siderurgiche, centrali elettriche, miniere e cave di amianto e altri minerali, porti, discariche e inceneritori sono in queste aree le principali cause di contaminazione.

Secondo lo studio nei siti contaminati da amianto è stata osservata una mortalità per il tumore maligno della pleura di circa 400 casi in in più rispetto a quelli attesi, a conferma del rapporto causale-effetto tra l’agente inquinante e la patologia.
E’ comunque bene sottolineare, come ha illustrato Garaci che "la mortalità osservata nei siti contaminati è risultata del 15% più elevata di quella media regionale per le cause di morte correlate al rischio ambientale, ma sarebbe fuorviante e scientificamente poco valido affermare che ogni incremento della mortalità osservato possa essere attribuito all’inquinamento in uno specifico sito. Per questa ragione, in molti casi, gli elementi emersi dallo studio hanno condotto i ricercatori a formulare raccomandazioni per ulteriori studi di approfondimento".

Quindi la ricerca non finisce qui. Bisogna approfondire al fine di debellare la pericolosità di questi siti che potrebbero essere causa anche di gravi malformazioni congenite o di malattie di origine ambientale.
Un intervento all'origine credo sia la soluzione più efficace. Ma cosa non funziona perché ciò avvenga, soprattutto al Sud, ancora non mi sovviene...

A proposito di Maltagliati environment

Cosa fa l’IT per il Pianeta

15 novembre, 2011

Il Cibo sui banchi di scuola

L'iniziativa mi pare sia eccellente, imparare a mangiare già a scuola. Da gennaio 2012 nelle scuole medie italiane prende il via il progetto “Scuola e Cibo”, messo a punto da Federalimentari e dal Miur volto a rendere i nostri ragazzi consapevoli dell’importanza di seguire corretti stili di vita, insegnando loro modi e tempi di assunzione dei cibi e la storia dei processi produttivi in campo agricolo e industriale.

Qualcuno può pensare al solito sperpero di risorse altri, come me, invece lo ritengono un ottimo progetto. Certo poi a casa non dobbiamo rifornire i pensili cucina con merendine, patatine, focacce...Il progetto oltre a scuola deve essere adottato anche in famiglia, valorizzando quei cibi che la nostra terra fortunatamente ci regala.

Ricordiamoci infatti che quello italiano rimane il migliore modello alimentare oggi esistente, ancora in una posizione di vantaggio rispetto ad altri Paesi, grazie alle tradizioni alimentari ben radicate e alle innovazioni nei prodotti e nei servizi offerti alle famiglie.
Anche l’industria alimentare, consapevole di ricoprire un ruolo fondamentale nella soluzione del problema della corretta educazione alimentare degli italiani, negli ultimi 3 anni ha immesso sul mercato oltre 4.000 prodotti più migliorati da un punto di vista nutrizionale in linea con una corretta dieta alimentare.


Scuola e Cibo
Il programma dell’iniziativa Scuola e Cibo introdurrà l’educazione alimentare nel sistema di istruzione italiano, con l’approccio moderno e trasversale di una materia interdisciplinare. Per esempio, nelle lezioni di scienze ci saranno approfondimenti mirati sulle caratteristiche degli alimenti, rispetto ai loro processi produttivi e qualità chimico-nutrizionali; in quelle di italiano, i focus sulle parole del cibo; la storia e la geografia potranno parlare dell''evoluzione dei modelli alimentari nei secoli o raccontare di territori e tipicità; per non parlare delle lezioni di lingue straniere e dell''attività motoria, che includerà anche laboratori e visite nelle realtà aziendali del territorio.


Sarebbe interessante promuove questa iniziativa anche nelle scuole primarie, magari non facendola diventare materia interdisciplinare ma proponendo ai bambini un intervallo all'insegna della merenda sana.
A proposto di Maltagliati educational:

12 novembre, 2011

Bambini, il diritto di esserlo

Lo scorso anno le insegnanti hanno fatto stilare a mia figlia una carta con i diritti dei bambini, diritto di giocare, di studiare, di riposare, di mangiare…Beh tutto sommato mi sembravano dei punti più che ovvi. Ma forse valeva la pena soffermarsi davanti a quella parola, diritto.  Ma cos’è il “diritto”?
Secondo la lingua italiana la definizione della termine diritto è

“ciò che l'individuo pensa che gli spetti o crede di potere rivendicare in base a esigenze naturali o alla cultura e alle consuetudini della comunità in cui vive”

11 novembre, 2011

Cosa fa l'IT per il Pianeta

Maltagliati environment - Difendiamo la natura

Se noi nel nostro piccolo possiamo proteggere il Pianeta, ciò che possono fare le industrie è ancora più efficace. Prendiamo l'esempio della classifica appena pubblicata nella Eco-Guida da GreenPeace.
L'associazione quest'anno ha preso in esame 15 aziende del settore IT (Information Technology) e sulla base della loro politica energetica, sull'eco-compatibilità dei propri prodotti e sulla loro sostenibilità della filiera, ha reso noti gli impegni di ciascuna di esse e i punti su cui ancora migliorare.
Le società, noti brand nel mondo dell'elettronica, sono state anche valutate per le emissioni di gas serra prodotto durante l'intera catena di produzione.

09 novembre, 2011

Piccoli gesti per una nobile causa



Maltagliati environment - Dalla parte della natura
Non posso che definirla nobile l’iniziativa Piantiamo un Sogno promossa dal Wwf volta a salvaguardare la natura. Il progetto ha visto così cinquantuno nuovi alberi trovare dimora in altrettante scuole primarie della nostra Penisola, dando la possibilità ai piccoli alunni di compiere un gesto d’amore che insegna loro quanto sia importante il rispetto della natura e di tutto ciò che li  circonda.
L’iniziativa, che si inserisce nell’ambito del progetto Panda Explorer, il programma WWF per le classi, dedicato quest’anno al mondo delle foreste, ha visto la collaborazione di Auchan che da diversi anni patecipa attivamente alle iniziative del Wwf per sensibilizzare i cittadini verso le tematiche ambientali e orientare nuovi stili di vita più sostenibili.

Un’iniziativa che, come detto fin dall’inizio, non posso che definire nobile; imparare fin da piccoli a seguire buone abitudini tradotte in piccoli gesti quotidiani nel segno del rispetto di ciò che ci circonda è decisamente esemplare. Ma nel mondo non ci sono solo bambini e un po’ di educazione non guasterebbe anche a certi adulti.
Vi riporto solo qualche esempio. Avete idea di quanto ci impieghi l’ambiente a smaltire un mozzicone di sigaretta? Impiega circa 2 anni per essere decomposto. Questo a causa della
sua complessa composizione. Anche gli accendini “usa e getta” sono costituiti prevalentemente di materiale plastico e generalmente, le diverse plastiche impiegano tra i 100 e i 1000 anni per degradarsi. Non sono da meno le gomme da masticare: 5 anni. Infatti la gomma, nonostante sia di origine vegetale, è un materiale difficilmente attaccabile dai micro-organismi che riescono quindi a degradarlo soltanto lentamente.

L’elenco non finisce qui, la decomposizione dei rifiuti è lunga anche per altri oggetti di uso comune. Sempre meglio quindi riporli nei giusti contenitori.
Piccoli gesti per offrire un grande contributo al benessere del pianeta.


Una Terra Libera

Maltagliati just
di Maltagliati Diversi

Una Terra dove Montagne e Mare si fondono
Una Terra dove i Confini sono ombre
Una Terra dove Bianco e Nero sono solo tonalità
Una Terra dove non ci sono né Vinti né Vincitori
Una Terra sotto un Unico Dio
Una Terra senza Politicanti
Una Terra che non Trema, non Piange e non Scoppia
Una Terra Libera dove l'Uomo non esiste ancora


08 novembre, 2011

Quando la linea prende vita

Quando uomo e natura si incontrano possono creare nuove forme di genialità. Forme che Luigi Colani è riuscito a cogliere dando vita ad ammalianti opere d'arte. Capostipite del mondo del design e artefice del BioDesign, l'artista ha deciso di portare in Italia per la prima volta le sue opere e mostrarle a un pubblico appassionato di uno stile creativo fatto di rotondità che evocano il dinamismo e la vitalità di qualsiasi oggetto.
Allestita fino all'8 gennaio alla Triennale Bovisa di Milano, la mostra “Il Futuro è a Milano – Colani BioDesign Codex Show, mette in rassegna oltre 1.000 opere, progetti, installazioni e prototipi che in 60 anni hanno cambiato il modo di comprendere il design; dalla ricerca per Christian Dior di una collezione di scarpe dal tacco innovativo, allo studio ergonomico dell’impugnatura della fotocamera Canon T90 (oggi applicato a quasi tutte le macchine fotografiche); dal record di velocità a basso consumo (solo uno dei 36 “record" detenuti da Colani) stabilito dalla sua Ferrari Testa d’Oro che ha raggiunto i 351 km/h nel 1989, agli spazzolini da denti, ai pianoforti, agli altoparlanti, passando per le navicelle spaziali della NASA.
Una gigantesca collezione di creazioni piena di positività che mette la Natura e l’Uomo al centro: la maggiore opera mai creata da un singolo artista con le proprie mani e senza l'uso del computer.

07 novembre, 2011

Vino e cibo, connubio di sapori

Una serata offerta dalla Grig family alla guida di uno dei ristoranti più rinomati della brianza che si distingue come sempre per la qualità delle portate e della prestigiosa cantina.
Ubicato a Nova Milanese sulla vecchia Valassina che collega Niguarda-Desio, il Ristorante Grig promuove una serie di incontri dedicati al connubio tra i sapori tradizionali e le più rinomate etichette di rossi e bianchi rigorosamente DOC.
Denominate Ambasciator, le serate a tema risalteranno i sapori gastronomici con i vini delle tenute più note sulla nostra penisola.
La prima serata Ambasciator sarà di scena il prossimo 10 novembre. Un'occasione per assaporare deliziose portate accompagnate dall’armonia e dalle sfumature dei vini della Tenuta Ca’ Bolani (Friuli Venezia Giulia) con un Sauvignon Aquilis e con un Refosco Alturio.

Le serate Ambasciator proseguiranno ogni giovedì fino al 15 dicembre in un itinerario che vedrà le migliori cantine toscane, abruzzesi e trevigiane.

Un amante della cucina tradizionale e del buon vino made in Italy non può certo mancare a quelle occasioni in cui l'abbinamento piatto-calice sono il leitmotiv di una serata speciale.

Coca Cola veste bianco per l'Orso polare

Coca Cola si rifà il look e veste le sue lattine di bianco.
Frutto di una stretta collaborazione con il  Wwf, il colosso della bibita più famosa al mondo ha deciso di aiutare e proteggere l’Orso polare artico e il suo habitat.
La campagna di sensibilizzazione “Artic home” partita il 1° novembre, a cui Coca Cola ha già contribuito con una donazione pari a 2 milioni di dollari, vedrà la commercializzazione di oltre un miliardo di lattine bianche che vedremo sui nostri scaffali fino a febbraio 2012. Sulla nuova veste candida con raffigurata mamma orsa e i suoi cuccioli, è riportato un codice che consentirà di fare una donazione con un SMS solidale di 1 euro. Il codice è presente anche sui tappi, bianchi ovviamente, di altri prodotti del marchio.
"Vogliamo aiutare l'orso polare – un’icona Coca-Cola già dal 1922 - aiutando a conservare il suo habitat - ha detto Muhtar Kent, Presidente e CEO di The Coca-Cola Company -. Ecco perché stiamo utilizzando uno dei nostri brand più conosciuto al mondo, cercando di sensibilizzare l'opinione pubblica per una causa così importante. E grazie alla collaborazione con il Wwf, possiamo veramente fare qualcosa di essenziale per questi animali così maestosi".